MOVE
MOVE
Giovedì
15:20:08
Giugno
09 2022

«Il peggior incubo di ogni Bambino» - di Vincenza Palmieri

la foto principale in cui il soggetto è un bambino è di repertorio

View 1.0K

word 505 read time 2 minutes, 31 Seconds

Non capisco cosa ci sia da sorridere in questa foto che spero sia di repertorio. E non di soddisfazione per trattare, ancora una volta, i bambini come merce di scambio; per Politiche Sociali, della Famiglia ed Economiche rivelatesi ad oggi, senza dubbio, fallimentari.

Foto a cui la prof.ssa Vincenza Palmieri si riferisce.

Allontanamenti con la forza pubblica, protocollo tra Autorità garante, Polizia e Cnoas - Saranno definite linee guida comuni a tutela dei minori per uniformare le procedure sul territorio nazionale. Tre le direttrici prioritarie link al comunicato stampa pubblicato il 30 Maggio 2022 da Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza http://www.to5.me/4I

Non c’è nulla da sorridere quando si parla di allontanamenti. E nessun Protocollo che ha questo tema come oggetto dovrebbe essere diffuso accompagnato da toni trionfalistici, come una vittoria sociale, al di là di ogni singolo rigo che possa contenere.

Credo che la parola «allontanamenti» debba essere cancellata, quando si parla di Bambini. Ma non per sostituirla con un sinonimo. Bensì rivista e trasformata in una logica di aiuto a Bambini e Famiglie.

Non ritorniamo sulla solita solfa: le soluzioni in casi di abusi gravissimi, dimostrati attraverso prove inequivocabili, devono essere trattati nelle giuste sedi. Ma il 93% dei bambini allontanati lo sono a seguito di ben altra pratica: la criminalizzazione di comportamenti tutt’altro che abusanti, a causa del “troppo affetto” o di “simpatie e antipatie” di volta in volta individuate da personale non adeguato alla valutazione delle dinamiche familiari né all’investigazione di presunti maltrattamenti.

La storia soprattutto dell’ultimo decennio ha messo in luce un dolore, una tragedia umanitaria il cui racconto e la cui denuncia sta venendo soppressa nel sangue per interessi di una lobby che ha bisogno di continuare a “markettizzare" le fragilità, trasformarle in una patologia irreversibile, cronica.
Tutto ciò, al fine di lucrare su quella lunga Filiera che non è solo delle Case Famiglia, ma di tutto il Sistema; a partire dai centri istituiti presso le Amministrazioni Comunali e così lungo tutto il percorso di vita del bambino e della famiglia che sono caduti in un iter dal quale pare impossibile venir fuori.

  • Non si può accettare la criminalizzazione degli affetti, dei comportamenti.
  • Ci deve essere un lavoro sinergico per aiutare le Famiglie.

Il tema centrale non può essere quello degli allontanamenti ma quello dell’aiuto.

Non c’è nulla da sorridere, dunque, sul dolore e sulle lacrime di tanti bambini e tanti genitori. Ciò che va fatto è avere il coraggio di Aiutare le Famiglie a Casa loro.

Non c’è altra soluzione percorribile se non quella di rimboccarsi le maniche, riqualificando il personale, rimodulando gli interventi per la Famiglia: per tenere insieme la Famiglia.

Si parla di integrazione a scuola, di cure mediche a domicilio, si parla di Territorio e di Inclusività.

Ma quando si parla di #Minori si usa la peggiore espressione possibile, il peggior incubo per ogni bambino: essere allontanato.

Vincenza Palmieri
Presidente INPEF

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / «Il peg... Palmieri