Martedì
15:12:52
Agosto
02 2022

Masse glaciali e fenomeni di instabilità: gli strumenti per conoscerli

View 581

word 719 read time 3 minutes, 35 Seconds

La presenza di masse glaciali è da sempre associata alla possibilità che si verifichino delle instabilità potenzialmente pericolose per le attività umane, come i grandi crolli di fronti glaciali e le piene glaciali improvvise. Ne abbiamo avuto di recente tragica conferma con il crollo di ghiaccio della Marmolada. L’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irpi) opera da oltre trent’anni nel campo degli studi relativi alla documentazione dei fenomeni di instabilità in ambito glaciale, con particolare riferimento alla caratterizzazione della dinamica dei ghiacciai, alla ricostruzione degli eventi del passato e all’analisi dei fattori coinvolti nell’innesco di fenomeni di instabilità.

Grazie alle conoscenze e competenze acquisite nell’ambito di progetti di ricerca e collaborazioni scientifiche nazionali ed internazionali (quali GLACIORISK e GLARISKALP), il Cnr-Irpi ha contribuito all’implementazione dell’unico database tuttora esistente a livello europeo specifico sui rischi glaciali e alla redazione delle Linee Guida Internazionali per la definizione e la mitigazione dei rischi glaciali. Una delle sfide più importanti è oggi la comprensione dell’impatto del cambiamento climatico sulle masse glaciali e sulla loro instabilità, considerata anche la crescente frequentazione degli ambienti di alta quota e dunque l’aumento dei rischi collegati.

“I fenomeni di instabilità glaciale sono riportati in aumento in tutto il mondo, compreso in Italia, tuttavia per conclusioni statisticamente basate è necessario il consolidamento di strategie nazionali ed internazionali per la documentazione sistematica di questo tipo di fenomeni”, spiega Marta Chiarle, ricercatrice dell’Istituto. Per contribuire alle conoscenze in questo campo, il Cnr-Irpi ha un focus di ricerca sull’alta montagna che riguarda sia il ruolo dell'evoluzione climatica e geomorfologica nella predisposizione e nell’innesco di processi di instabilità in ambienti con criosfera (neve, ghiacciai e permafrost), sia l’integrazione di sistemi di monitoraggio ad alta frequenza per la caratterizzazione dei fenomeni di instabilità in ambito glaciale.

“Per quanto riguarda il primo aspetto” aggiunge Marta Chiarle “abbiamo implementato e messo online un catasto degli eventi di instabilità in alta quota: l’analisi del dataset ha evidenziato come nell’l’85% dei casi gli eventi siano associati a una qualche anomalia di temperatura e come il ruolo delle anomalie positive di temperatura aumenti dalla primavera all'inverno, e con la quota e il volume dell’evento”.

Per quanto riguarda i sistemi di monitoraggio, Daniele Giordan spiega che le attività di ricerca svolte in collaborazione di Fondazione Montagna Sicura e della Regione Valle d’Aosta hanno portato alla realizzazione del Laboratorio a Cielo Aperto delle Grandes Jorasses, dove sono seguiti il ghiacciaio di #Planpincieux e il seracco #Whymper con un sistema di monitoraggio unico al mondo. Questo sistema di monitoraggio ha consentito negli anni di acquisire una rilevante mole di informazioni sulla dinamica dei ghiacciai di #Planpincieux e delle #Grandes-Jorasses, su cui si è basata la messa a punto di un protocollo di gestione del rischio relativo ai possibili crolli di rilevanti porzioni dei due ghiacciai. Il ricercatore Daniele Giordan aggiunge “il laboratorio a cielo aperto delle Grandes Jorasses è un esempio virtuoso della collaborazione tra enti di ricerca e di gestione del territorio; nato da una necessità di protezione civile, il laboratorio è anche uno spazio in cui fare ricerca di altissimo livello basata sui sistemi tecnologicamente più avanzati, i cui risultati vengono impiegati nello sviluppo di nuove tecniche di monitoraggio e nell’irrobustimento del protocollo di gestione del sito”.

“Il Cnr-Irpi possiede dunque un know-how e set di dati sui rischi glaciali di fondamentale importanza per valutare la pericolosità in alta montagna”, conclude il direttore Tommaso Moramarco. “Tali conoscenze possono utilmente essere messe al servizio del Paese per la stesura di linee guida nazionali per la valutazione dei rischi glaciali, con particolare attenzione agli effetti dei cambiamenti climatici in atto, alla formazione del cittadino e alla divulgazione, al fine di conoscere e vivere l’alta montagna in sicurezza. A questo si aggiunge il know-how scientifico e tecnologico del Cnr-Irpi che lo pongono all’avanguardia nel monitoraggio dei corpi glaciali instabili. Tutte queste conoscenze sono messe a disposizione degli enti decisionali e di governo del territorio per fare tutto il possibile affinché tragedie come la Marmolada non abbiano a ripetersi”.

Per informazioni:

Marta Chiarle, Daniele Giordan
Cnr - Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica
daniele.giordan@irpi.cnr.it | marta.chiarle@irpi.cnr.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Masse gl...onoscerli